Categoria: Economia

ADIDAS: CEDUTO IN BORSA L’1,3%

Il trubinale Ue ha confermato la nullità del logo dell’Adidas che consiste in tre striscie parallele; il tutto è partito dall’impresa belga Shoe Branding Europe.

“Non c’è alcun tipo di carattere distintivo”ha dichiarato l’impresa belga ed oggi è stata accolta quella domanda di nullità che venne fatta nel 2016.

L’Adidas ha ceduto in borsa l’1,3% a 270; c’è da dire che questo grande marchio ha raggiunto valori altissimi in questo ultimo periodo, posizionandosi sul suo massimo storico.

Immagine correlata

JUNCKER: “ITALIA IN DIREZIONE SBAGLIATA”

E’ stato dato il via libera alla proposta della Commissione di procedura d’infrazione contro l’Italia per debito eccessivo; Juncker ha voluto dire la sua in merito a questa situazione.

“L’Italia sta andando verso la direzione sbagliata, questo è un problema serio” ha dichiarato; è una situazione che sussiste da molti anni ormai ma ogni manovra sembra non avere efficacia.

Il ministro Tria ha dichiarato che è nell’interesse dell’Italia cercare di trovare un compromesso con Bruxelles ed evitare così la procedura.

Risultati immagini per juncker

DEBITO ITALIA: SALIRA’ ANCORA?

Il debito pubblico del nostro paese tenderà a salire e l’obbiettivo di un governo di un deficit al 2,1% sembra irraggiungibile; la situazione non è delle migliori in quanto non si mettono in atto strategie efficienti.

Secondo Moody’s il deficit dovrebbe aumentare fino al 2,6-2,7%, “dobbiamo valutare l’affidabilità e la credibilità dell’Italia” avverte l’agenzia di rating .

Questa valutazione verrà effettuata nel 2020, per questo è necessario che la situazione migliori anche lievemente, che il debito pubblico venga ridotto e che l’economia continui a crescere.

Risultati immagini per debito pubblico

DEBITO PUBBLICO: PROGRESSI INSUFFICIENTI

In molti settori sembra che l’economia italiana sia in crescita, ma la situazione del “debito pubblico” è ancora un grosso problema per questo paese.

Nella lettera inviata al Ministro dell’Economia Giovanni Tria, il vicepresidente della commissione Dombrovskis e il commissario degli affari economici Moscovici, spiegano che l’Italia ha fatto progressi insufficienti.

Questa lettera è una richiesta di chiarimenti che pretende la commissione; inoltre dovrà giungere una risposta dall’Italia entro venerdì.

Risultati immagini per debito pubblico

INPS: TAGLIO PENSIONI D’ORO!

Per i pensionati scatta, il mese prossimo, il conguaglio previsto per tutte òe pensioni superiori a tre volte il minimo (1.522 euro lordi al mese); il tutto è suddiviso in tre tranche relative ai mesi di gennaio, febbraio e marzo.

A giugno partirà il taglio per i trattamenti pensionistici che superano i 100.000 euro lordi annui a partire primo gennaio 2019 e per i successivi 5 anni.

Più la cifra annuale lorda sarà grande, maggiori saranno i tagli; su una cifra superiore a 500.000 euro, verrà applicato un taglio del 40%.

Immagine correlata