Il Prodotto Interno Lordo (PIL) dell’Europa sembra essere in crescita: anche in Italia si stima entro la fine del 2018 una crescita dell’1,6%; da considerare che la Spagna, la Francia e la Germania avranno un aumento più sostanzioso.

Nonostante queste notizie positive, ci potrebbero essere dei fattori negativi misurati dall’indice Pmi: stiamo parlando di un rilevatore che rivela se i manager delle numerose attività in Europa hanno intenzione di aumentare o diminuire i loro acquisti sul mercato.

Basti pensare che, nel nostro paese, questo indice è sceso da 56 a 53,3 ma non finisce qui; secondo il Centro Studi di Confindustria, l’economia italiana ha tirato un po’ il freno, ma ciò non significa che siamo in rotta. Potrebbe essere solo un periodo di riepilogo per poter ripartire in quarta.

Le prospettive per il futuro sono positive, nonostante ci siano dei dati che ci dicono il contrario; fatto sta che si è comunque registrato un aumento del PIL e ciò significa che sono aumentati gli acquisti e le spese.

Risultati immagini per pil